Non Autosufficienza: 20 anni di attesa ma la tenacia paga!
Ottobre 11, 2022
Barbagallo al Consiglio Regionale UILP di oggi: rette RSA, Sanità,Elezioni Ferpa e Sindacato Mondiale
Novembre 10, 2022
Mostra tutto

Congresso Nazionale UIL: c’ero anch’io

La UILP della Lombardia con i suoi delegati e delegate ha partecipato al Congresso Nazionale della UIL a Bologna il 13/14 e15 ottobre. Qualcuno non ha potuto esserci  e ci dispiace perché l’elezione del nostro futuro Segretario Generale Nazionale è una esperienza carica di emozioni anche per noi che di congressi ne abbiamo fatti tanti da quando abbiamo iniziato il nostro impegno nella UIL.

Appuntamento all’Hotel Cosmopolitan, giù i bagagli, spuntino e navette o auto per raggiungere la Fiera di Bologna: oggi, domani e dopodomani staremo lì per seguire i lavori congressuali.

Un po’ di preoccupazione per il nuovo strumento con cui dobbiamo registrarci al banco dei delegati: è un QR code… non usuale per noi pantere grigie, ma come sempre fra le nostre fila si annidano tanti “Steve Jobs” agili e svelti sulla tastiera che guidano i “tecnosauri”. Lo diciamo sempre che la vecchiaia ha tante facce e questa è una: stessa età ma capacità molto diverse tra ambito e ambito. Teniamone sempre conto e teniamo conto della proposta del nostro Segretario Generale Carmelo Barbagallo che propone spesso che il divario digitale che penalizza tanta gente, venga colmato con corsi organizzati in TV sulla falsariga di quanto avvenuto negli anni ‘60 dal Maestro Manzi per alfabetizzare l’Italia, con il programma “Non è mai troppo tardi”.

Al luogo del Congresso, in Fiera, spazi immensi e grande folla e subito il nostro Stand UILP sulla sinistra della “Piazza UIL” dove si ritrovano i nostri compagni e compagne che spesso in questi mesi abbiamo visto solo in video. Abbracci rischiosi e abbracci mascherati, foto, scambio di notizie e poi in fretta a prendere posto perché tra poco ci sarà la relazione di Pierpaolo Bombardieri in apertura del Congresso.

L’assenza di un Governo, ancora in formazione dopo le elezioni del 25 settembre, viene riempita dagli interventi di tanti ospiti che sulla scia della relazione di Bombardieri chiederanno al sindacato di agire, progettare, lottare perché le “Disuguaglianze vengano colmate con nuovi diritti e protezione per i più fragili e poi lavoro! Lavoro buono, lavoro sicuro”. Grande emozione e in queste parole le ragioni del nostro impegno nel Sindacato Confederale UIL da quando eravamo giovani donne e giovani uomini. Le esperienze, che ognuno di noi ha fatto nelle categorie di provenienza, trovano una bellissima sintesi nel nostro impegno oggi nella UILP.

Presenti i sindacati stranieri, il Segretario Generale della CGIL mentre quello della CISL ha l’influenza e si fa sostituire. Segretari UIL di categoria, Segretari UIL delle Regioni e degli Enti. Stampa, molta stampa e le dichiarazioni di condivisione che si susseguono.

Il primo giorno si chiude con una cena dei delegati della UILP Lombardia in un ristorante in centro città e per una sera ci si dimentica dei trigliceridi e della dieta perché l’atmosfera è rilassata e una bella occasione per conoscersi di più al di là dei ruoli nella UIL: hobby, impegni di volontariato e  tutela dell’ambiente, una irrefrenabile passione per la musica e i motori, le famiglie e le famiglie allargate, l’impegno per la pace e poi i tanti progetti, perché a qualunque età fare sindacato significa progettare e innovare.

L’ultimo giorno è caratterizzato dall’emozione delle votazioni: non ci saranno sorprese perché noi tutti vogliamo che l’attuale segreteria nazionale venga confermata, ma il momento in cui si alza la delega per votare, è sempre emozionante.

L’intervento del nostro Segretario Generale Barbagallo è pensato per rafforzare i legami tra i lavoratori attivi e i pensionati: i giovani vanno veloci, ma gli anziani conoscono la strada, dice Carmelo, e insieme raggiungeremo la meta….  Insieme ci si sostiene, si condividono esperienze e competenze e si lotta per combattere le disuguaglianze che per noi anziani stanno in una fiscalità più equa e nella difesa del potere d’acquisto delle nostre pensioni, in un sistema di cura accessibile, in un sostegno reale per le non autosufficienze. Carmelo raggiunge lo scopo di rafforzare il legame fra generazioni e obiettivi anche nella coreografia che accompagna il discorso: una bella simbologia.

La Segreteria Nazionale della UIL viene confermata dal voto dei delegati. Il Congresso si chiude.

La foto che noi lombardi ci facciamo tutti insieme non è solo rito, ma anche voglia di rivivere, quando vorremo, questi momenti per noi sempre più preziosi.

Buon viaggio di ritorno, buon lavoro e grazie   Serena, Valeria, Cesare, Angelo, Elena, Carlo, Roberto, Amelia, Sergio, Patrizio, Luciano, Enzo, Giacomo, Carmela, Tonino, Amerigo, Gabriele, Giuseppe, Giovanni, della fatica e dell’impegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Contatti