Donne UIL e UILP: protagoniste da sempre
Maggio 12, 2022
La nuova Segreteria Regionale UILP Lombardia : ringraziamenti a delegati e ospiti
Giugno 16, 2022
Mostra tutto

DOCUMENTO FINALE 12° CONGRESSO UIL PENSIONATI LOMBARDIA

DOCUMENTO FINALE

12° CONGRESSO UIL PENSIONATI LOMBARDIA

MILANO 14-15 GIUGNO 2022

 

IL 12° CONGRESSO UIL PENSIONATI LOMBARDIA, riunitosi a Milano presso il NOVOTEL Cà Granda approva la relazione presentata dalla Segreteria arricchita dal dibattito e dai contributi di Delegate, Delegati e Ospiti e dalle conclusioni del Seg. Gen. UILP Nazionale Barbagallo

AUSPICA

per gli anni a venire che non venga mai meno l’impegno del sindacato a tutelare e difendere i diritti degli anziani e dei pensionati

RITIENE PRIORITARIO

continuare l’iniziativa verso il Governo e il Parlamento per:

  • ottenere la rivalutazione di tutte le pensioni (considerando l’attuale livello di inflazione) per mantenere il loro potere d’acquisto, agendo anche sulla fiscalità con maggiori detrazioni e sulla diminuzione delle aliquote
  • ottenere la legge sulla non autosufficienza con adeguati finanziamenti

SOTTOLINEA LA NECESSITA’ DI

  • Agire verso la Regione Lombardia per ottenere un servizio sociosanitario che superi le attuali disfunzioni andando oltre la logica dell’emergenza. L’applicazione dei principi della legge 22/2021 di riforma sociosanitaria così come enunciati sono condivisibili, manca ancora (come per la precedente legge 23 poi fallita) ogni riferimento alle modalità applicative e alla problematica delle Risorse Umane (mancano i necessari professionisti) e in particolare al ruolo che devono esercitare i MMG (anche loro carenti); il rischio è quello di preannunciare servizi che poi non troveranno attuazione. Si tratta per noi di definire un percorso realistico anche se graduale ma certo dei tempi e delle modalità per realizzare quanto contenuto nella Legge. Ponendo attenzione alla necessità di dare risposte alla carenza di operatori e di razionalizzare il sistema ospedaliero per acuti mantenendo al centro le aziende pubbliche, considerando le strutture private convenzionate come integrazione al sistema pubblico e non in concorrenza.
  • Particolare attenzione la UILP dovrà porre nei confronti di tutte le istituzioni per tutelare la dignità delle persone anziane sia verso le fragilità (sociali, economiche e sanitarie) sia per individuare percorsi di valorizzazione degli anziani nel contesto sociale (aggregazioni culturali, servizi sociali e qualità della vita). Questo è perseguibile continuando l’azione di contrattazione sociale con i Comuni e la Regione, sottolineando che si dovranno affrontare non solo i temi del disagio ma porre particolare attenzione ai bisogni di tutti coloro che rappresentiamo.

RITIENE

  • Indispensabile rivedere l’organizzazione delle RSA e impegnarsi per individuare nuove forme di abitare per anziani autosufficienti ma soli, costruire una società più inclusiva garantendo la mobilità e servizi adeguati sia nelle città che nei paesi.
  • Il momento Congressuale è la sede in cui devono essere portate a sintesi le proposte di riorganizzazione, facendo tesoro dell’esperienza vissuta, per migliorare il funzionamento del nostro sindacato a tutti i livelli. Il dibattito sul ruolo delle strutture confederali e categoriali e sulla loro articolazione deve arrivare ad un assetto uniforme (troppe differenze organizzative hanno creato e creano confusione). Per noi i livelli organizzativi devono avere come obbiettivo la capacità di rispondere ai bisogni degli Iscritti/e e creare condizioni per favorire il proselitismo.

INVITA

  • Le Istituzioni, gli Enti, la Politica a combattere l’agismo e ogni forma di discriminazione o comportamento tesi a promuovere una cultura dello scarto

IMPEGNA

  • La UIL e la UILP a collaborare sempre più efficacemente, in sinergia tra lavoratori attivi e pensionati, per la crescita di una cultura diffusa che valorizzi le persone anziane

CHIEDE

Alla UIL e a tutto il movimento Sindacale un’azione forte a sostegno delle iniziative per la pace a fronte della guerra scatenata dall’aggressione della Federazione Russa nei confronti dell’Ucraina.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Contatti